Maldive, un’ altra volta

E’ da un mesetto che voglio scrivere questo articolo, ci tengo in modo particolare, non perché ami questa meta più delle altre, sono convinto che ogni viaggio abbia il suo valore e in genere non mi piace fare paragoni, ma perché parlo di un paradiso che è stata la mia casa per cinque anni e che ho avuto la fortuna di conoscere bene e di incontrare ancora… proprio quest’inverno. 

Ogni volta me ne innamoro, come me ne sono innamorato la prima volta. 

Le Maldive: facile descrivere la sensazione di meraviglia che si apre agli occhi, difficile far capire realmente cosa siano a chi non ha mai avuto la fortuna di andarci almeno una volta. Le Maldive sono tantissime isolette, di piccole e grandi dimensioni, raggruppate in diversi atolli. Elencarli tutti non avrebbe molto senso, più interessante è sapere che gli atolli in totale sono 26 ognuno composto da un centinaio di isole, non tutte abitate. Gli atolli formano l’arcipelago delle Maldive che si trova a sud dello Sri Lanka.

La mia isola, che poi è diventata la nostra, si chiama Palm Beach, si trova nell’ atollo di Lhaviyani, a Nord rispetto alla capitale Male. Per arrivarci ci vogliono circa 35 minuti di idrovolante. Durante quei 35 minuti posso garantirvi che non c’è tempo per annoiarsi. Lo spettacolo che si apre agli occhi e’ meraviglioso… Tante piccole isole sparse nel bel mezzo dell’oceano indiano.

IMG-20161220-WA0017-01Ho lasciato quel paradiso da ormai 4 anni, e non avevo in programma di tornarci nel breve periodo a dire il vero, ma la realtà e’ che spesso succedono cose in grado di stravolgere i piani. Così dalla valigia già quasi pronta per la montagna, e’ bastato togliere maglioni e tuta da sci per fare spazio a t shirt e costumi da bagno. Una sola chiamata e qualche giorno dopo sarei partito per Palm Beach, sarei tornato lì a lavorare per 3 settimane.

4 anni di assenza, un bel pò di tempo e non nego che l’emozione nel tornare ci sia stata, è stato bello rivedere persone con cui in fondo ho condiviso 5 anni della mia vita, è stato emozionante vedere con quanto entusiasmo siano stati in grado di accogliermi come se non me ne fossi mai andato, e nonostante abbia percepito una certa volontà di cambiamento, ho ritrovato lo stesso sapore di anni fa. A tutte queste cose se ne aggiungono altre, non ultime per importanza…l’emozione di tornare dove ho incontrato Glo e dove abbiamo vissuto i primissimi mesi della nostra storia e vedere dopo un mesetto e mezzo mia Sorella!!! ( eh si c’ è stato il passaggio di testimone, ora lei lavora a Palm Beach dove starà ancora per un bel po’ di mesi).

Pochi giorni dopo il mio arrivo, si è creata esattamente la stessa situazione della prima volta che ci siamo conosciuti. Io a lavorare e lei in vacanza con la sua famiglia… Alt, le cose non sono state così facili come si potrebbe pensare, un posto da sogno, lui, lei e l’amore…no, è stata duuuuuura conquistarla, ma alla fine eccoci qui, dove tutto è iniziato ma con tante sicurezze e consapevolezze in più.

Palm Beach e’ un’isola adatta davvero a tutti, alle famiglie, agli sportivi, alle coppie, ai ragazzi e ai signori di una certa età. E’ un po più grande rispetto alla media, e proprio per questo, per agevolare le distanze, la struttura ha messo a disposizione degli ospiti, biciclette e macchinine elettriche. La grandezza è’ molto positiva per tutte quelle persone che hanno paura di annoiarsi. Qui è davvero difficile, soprattutto se si amano gli sport, ci sono infatti un campo da tennis, un campo da calcetto, un campo da paddle (che ultimamente va per la maggiore) e un campo da squash. Non per ultimi, dato che siamo alle Maldive, un campo da Beach volley e uno da Beach tennis. Per i più convinti c’è anche una palestra vista mare. Non è uno dei posti che preferisco, si sa, ma correre con lo sguardo sul mare, magari al tramonto, penso sia impagabile.

Ho detto che Palm Beach e’ l’isola per le famiglie e per i bambini, infatti, uno degli elementi che ho sempre apprezzato tantissimo e non solo io, e’ la parte ristorazione e cibo. Oltre alla possibilità di mangiare a ogni ora del giorno, la cucina e’ davvero ottima. Pino, grandissimo chef ci mette davvero l’anima per offrire un buffet ampio e ottimo, usando prodotti che noi italiani amiamo (la pasta e’ come la si mangia in Italia) e offrendo prodotti tipici della cucina maldiviana per chi ha la curiosità di assaggiare piatti tipici del posto.

Alle Maldive non si può non fare almeno una volta snorkeling o per gli amanti, qualche immersione. Se il paradiso lo si trova già sopra all’acqua, e’ il mondo sottomarino quello in grado di stupire di più e che per me è sempre stato uno sfogo. Non si può negare che purtroppo la situazione rispetto a molti anni fa sia cambiata, molti colori si sono persi e i coralli in alcune zone sono prevalentemente grigi (in alcune isole si possono trovare ancora quei colori) ma se si ha la fortuna di nuotare tra squali, mante, aquile di mare e pesci colorati posso assicurarvi che il colore dei coralli passa nettamente in secondo piano. 

Il bello delle Maldive è che ovunque tu vada, la sabbia è la vera protagonista della vacanza, questo permette ai veri amanti della natura di abbandonare le scarpe già dai primi momenti. Questo per me è stato un grande problema perché dopo molto tempo i piedi si sono abituati e quando sono tornato in città non è stato facile ri-abituarmi alle scarpe.

Tornando a Palm Beach, uno dei luoghi che preferisco vicino all’isola, e’ il “Banco di sabbia”, una vera e propria striscia di sabbia che fuoriesce dall’acqua. Non è molto lontano da Palm, si raggiunge facilmente soprattutto con le moto d’acqua (che si possono noleggiare in hotel). Di questo posto magico ho un piacevolissimo ricordo, e’ dove è iniziata la mia storia con Glo e dove poi abbiamo passato i momenti più belli. Purtroppo quest’anno non ci siamo tornati ma non mancherà occasione in futuro così come spero non mancherà occasione di tornare insieme a lei in questo paradiso naturale.

Quando è arrivato il momento di tornare a casa ho fatto qualche riflessione e ad oggi posso dire di essere riconoscente a chi, dopo anni, ha voluto puntare ancora su di me richiamandomi in un momento di alta stagione, è stata una bella soddisfazione. Sono felice di aver rivisto certe persone e di averne conosciute di nuove, e ora che sono a casa, porto contento nel cuore tutti i ricordi vissuti in questo posto Magico.

LRM_EXPORT_20170104_194938

Una risposta a “Maldive, un’ altra volta”

  1. Daniela Perrone dice: Rispondi

    Bellissima descrizione..mi hai fatto venir voglia di mettere da parte i soldi x partire!! Magari qualche info sui 26 atolli? Un abbraccione

Lascia un commento