UnderWater Life

 

Uno dei ricordi più belli che ho della mia esperienza maldiviana è senza dubbio l’avvicinamento al mondo marino. La scoperta della subacquea e delle immersioni. Prima di allora non avevo mai avuto modo di scoprire questo mondo fantastico.

Dopo averle provate la prima volta, non sono più riuscito a fermarmi. Le sensazioni che si provano sott’acqua respirando aria da un erogatore è unica, imparagonabile. L’ho sempre vissuto come il mio momento, quell’attimo in cui potevo staccare la spina e non pensare a nulla, bastava poco per riuscire a liberarmi da tutto. E’ un’esperienza che vale davvero la pena di essere vissuta.

Se in aggiunta lo si unisce al fatto di essere a stretto contatto con la natura in tutto il suo splendore, lo è ancora di più.

La fauna maldiviana (clicca qui ) è davvero vasta, si possono fare incontri di ogni genere, mante, tartarughe, aquile di mare e poi lui, l’ animale perfetto, LO SQUALO.

L’ emozione più grande l’ ho vissuta con il mitico Alessio: immersione alle 9 di mattina, a Palm Beach Corner, un tuffo nel blu dritti sino a 30 mt, corrente in entrata molto forte. Dopo soli 10 minuti, in lontananza, abbiamo intravisto una trentina di squali grigi, fantastico. Ad un certo un punto, sul più bello, quando già l’emozione dei trenta squali grigi era forte, dal blu , abbiamo visto arrivare uno Squalo Martello (Mokarran), il primo pensiero è stato ” CHE COSA E’?!”. In quell’attimo mi si è spezzato il fiato, il respiro era quasi affannato, era proprio lui, quello squalo che tanto avevo sperato di vedere…

 

 

Photographer : Alessio Cicero

 

Lascia un commento